Condividi su:

Elba, the Napoleon Experience-Fashion by nada for nada

  Pubblicato il 25 Lug 2016  17:33
E’ risultato molto interessante l’ampio progetto di AB-OUT. Quello di rigenerare un luogo attraverso numerose sinergie e competenze che operano nei più svariati settori: urbanistico, architettonico, turistico, artistico ect…
Numerosi sono gli artisti e fashion designer (tra cui anche noi di nada for nada) chiamati in causa a sviluppare il tema del viaggio attorno alla figura di Napoleone in relazione al suo esilio elbano.
Quello che più ci ha colpito è proprio la volontà da parte del progetto di ricordarlo non attraverso le gesta militari già ampliamente annoverate nel corso di questi due secoli, ma attraverso una chiave più letteraria e poetica volta a guardare l’Imperatore come un viaggiatore infaticabile.
Il secondo input che ci ha spinto ad abbracciare l’idea è l’entusiasmo a misurarci con noi stesse e con un gruppo sempre più folto di creativi, liberando la fantasia attraverso simbologie  e colori senza dimenticare lo stile che ci contraddistingue: pulito e minimale.
Realizzando un bracciale e una collana che incarnassero questo spirito.
E’ proprio da questo confronto continuo interno (tra noi di nada for nada) ed esterno (con il gruppo AB-OUT) che abbiamo voluto interpretare “Napoleone”, “il viaggio” e “l’isola d’Elba” attraverso la figura di un serpente scelto a rappresentare non solo Napoleone ma anche e soprattutto il viaggio.
Il serpente cambia pelle, cambia aspetto, il suo è un continuo viaggiare fuori e dentro se stesso.
Inoltre i gioielli sono stati pensati da noi anche come traduzione concettuale e fisica della bandiera dell’isola d’Elba.
Il corpo è percorso nel suo interno da un’anima smaltata di rosso come la banda rossa dello stendardo, oltre a rappresentare  il colore della passione, della vitalità, della battaglia, simboli cari all’Imperatore.
Nel nostro lavoro l’intenzione è appunto quella di esprimere la forza (per questo la scelta del serpente) attraverso il nostro design, servendoci di un segno leggibile e chiaro. Secondo il nostro personale punto di vista, riprodurre il ritratto di Napoleone avrebbe sì identificato immediatamente la figura, ma sarebbe risultato meno efficace a determinare delle sensazioni.
Ecco sono proprio le percezioni, le atmosfere che vogliamo trasmettere.
 
Copyright © 2015 nadafornada - all rights reserved